Le piccole e medie imprese sono il motore della crescita dell’occupazione

pmi e occupazione
0

Le piccole e medie imprese sono il motore della crescita dell’occupazione, ma hanno bisogno di maggiori investimenti in competenze, innovazione e tecnologia per aumentare i salari e la produttività.

Negli ultimi anni le piccole e medie imprese (PMI) sono state un importante motore della crescita dell’occupazione, soprattutto attraverso la creazione di nuove imprese, anche in settori a forte crescita come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). Tuttavia, le nuove prospettive dell’OCSE sulle PMI e sull’imprenditorialità evidenziano che la maggior parte dei posti di lavoro creati dalle PMI si è concentrata in settori con livelli di produttività inferiori alla media, con le PMI che di norma pagano i dipendenti circa il 20% in meno rispetto alle grandi imprese.

Mentre le PMI sono più impegnate in nuove pratiche organizzative o di marketing rispetto alle grandi imprese e talvolta più innovative nello sviluppo di nuovi prodotti e processi, molte di esse continuano a lottare in modo sproporzionato per affrontare la crescente complessità delle tecnologie e dei mercati.

“Abbiamo bisogno di un ripensamento fondamentale delle politiche delle PMI e dell’imprenditorialità per migliorare le condizioni aziendali e l’accesso alle risorse. Ciò consentirà ai lavoratori di avere salari più elevati e una maggiore produttività, poiché i datori di lavoro più piccoli sfruttano tendenze importanti come la digitalizzazione”, ha dichiarato il segretario generale dell’OCSE Angel Gurría, lanciando la relazione al forum annuale dell’OCSE. “Abbiamo bisogno di una politica rinnovata e di un programma di misurazione per capire come i paesi, le regioni e le città possono sfruttare le loro numerose e diverse piccole imprese come motori di una crescita inclusiva e sostenibile”.

Leggi anche  Lavorare nel Web conviene

Questa prima edizione dell’OCSE SME and Entrepreneurship Outlook offre ai responsabili politici nuovi strumenti di benchmarking e approfondimenti sulle buone pratiche per aiutare a inquadrare le politiche nazionali a favore delle PMI e dell’imprenditorialità. La relazione illustra che le PMI dipendono maggiormente dall’ecosistema imprenditoriale e dal contesto politico rispetto alle grandi imprese e individua una serie di sfide chiave:

Mentre il divario salariale è minore per le PMI esportatrici, le barriere commerciali sono sproporzionatamente grandi e le recenti tensioni commerciali possono ostacolare ulteriormente la loro capacità di trarre vantaggio dalla globalizzazione.
Le PMI faticano a combinare diversi tipi di innovazione e continuano ad affrontare ostacoli legati alle dimensioni nell’accesso alle risorse strategiche, come le competenze, la finanza e la conoscenza. Un quarto delle PMI dell’UE ha segnalato come problema principale la mancanza di personale qualificato o di dirigenti esperti e, nella maggior parte dei paesi OCSE, meno di un quarto delle piccole imprese ha fornito formazione in materia di TIC nel 2018.
La trasformazione digitale lascia spazio alla crescita della produttività, ma esistono grandi divari di adozione rispetto alle imprese più grandi: nel 2016, ad esempio, la metà delle piccole imprese dell’OCSE ha investito in servizi di cloud computing.

Leggi anche  Obiettivo supremazia quantica

I governi sono stati proattivi nei loro sforzi per migliorare le condizioni quadro e affrontare gli ostacoli legati alle dimensioni per le PMI. I 36 profili per paese nelle prospettive dell’OCSE per le PMI e l’imprenditorialità mostrano che, nell’area OCSE, i governi si concentrano sull’accelerazione della diffusione dell’innovazione nelle PMI, sulla garanzia che le PMI tengano il passo con la trasformazione digitale, sul coinvolgimento delle PMI nell’aggiornamento delle competenze, sul potenziamento delle reti di innovazione e sull’uniformazione delle condizioni di concorrenza nei mercati dei prodotti, negli appalti pubblici e nei mercati innovativi “guida”.

Le piccole imprese beneficiano anche del rafforzamento dei servizi di e-government e delle riforme intraprese nei paesi dell’OCSE per ridurre gli oneri amministrativi e fiscali e applicare una regolamentazione intelligente.

Nonostante questi sforzi, la complessità delle procedure normative rimane un ostacolo importante per le PMI e gli imprenditori. Inoltre, il ritmo delle riforme strutturali è rallentato negli ultimi anni e i progressi restano disomogenei in settori chiave per la creazione di imprese e gli investimenti delle PMI, come i regimi di insolvenza, la giustizia civile e l’applicazione delle leggi sulla concorrenza.

La relazione chiede una governance più efficiente e disposizioni più coerenti a livello nazionale, regionale e comunale. Chiede inoltre di promuovere l’apprendimento tra pari a livello internazionale e di migliorare la capacità di monitoraggio e valutazione.

Lasciaci un commento

STAI CERCANDO UN CORSO PER ENTRARE NEL MONDO DEL LAVORO?

 

SONO APERTE LE ISCRIZIONI

PER IL MASTER FULL-STACK DEVELOPER

IN PARTENZA IL 30 SETTEMBRE!

Icon
14posti disponibili

 

316 ore in aula + 156 ore di tirocinio retribuito