Generazioni a confronto tra tecnologia e mondo lavorativo

Generazioni a confronto tra tecnologia e mondo lavorativo
0

All’inizio degli anni ’50, il termine Generazione X è stato coniato da Robert Capa.

Il fotografo americano l’ha usata in un reportage fotografico. Il termine ha prevalso ed è usato oggi come parola d’ordine. E poiché si adattava così bene, la Generazione X è stata seguita dalla Generazione Y e ora – logicamente – dalla Gen Z. Tra queste generazioni precedenti ci sono i cosiddetti baby boomer. Questi termini di generazione non sono sempre usati esattamente allo stesso modo.

Baby Boomers: nato tra il 1943 e il 1964 che oggi ha tra 77 e 56 anni.

Generazione X: nati tra il 1965 e il 1978, che oggi hanno dai 55  ai 42 anni.

Generazione Y: nati tra il 1979 e il 1998, tra cui i famosi Millenials, che  hanno dai 22 ai 41 anni.

Generazione Z: nati dal 1999, i ragazzi che oggi hanno dai 21 anni in su.

 

I datori di lavoro hanno scoperto che le generazioni X e Y differiscono molto nel comportamento e nei valori. Di conseguenza, l’acquisizione, la motivazione dei dipendenti e la loro fidelizzazione a lungo termine sono state soggette a cambiamenti negli ultimi vent’anni.

Mentre la Generazione X era vista come ambiziosa e materialista, ma anche scettica e riservata, molte cose sono cambiate con la Generazione Y.  Con un’affinità per la tecnologia, egocentrica e spesso meno legata al proprio datore di lavoro, ma anche più positiva, orientata al team e idealista, la generazione Y ha ribaltato il mercato del lavoro.

Ora la Generazione Z si prepara alla vita professionale. E a sua volta sta creando cambiamenti – e nuove opportunità, portando skills completamente diverse nel mondo del lavoro. Fin dalla più tenera età, questi giovani sono abituati ad elaborare e utilizzare una marea di informazioni digitali. Mentre alcuni dei membri della Gen Y sono già stati chiamati “nativi digitali”, questo vale ancora di più per la Generazione Z. Stanno crescendo nel bel mezzo di un mondo digitale. Fanno parte di una comunità online collegata in rete 24 ore su 24.

 

Non c’è più una chiara distinzione tra il mondo reale e quello virtuale. Entrambi i mondi si fondono in uno solo integrando perfettamente i social network, WhatsApp, blog e forum nella vita quotidiana e rendendoli accessibili tramite smartphone in qualsiasi momento. Telefono cellulare e notebook, Facebook e Skype fanno parte della vita. I contenuti sono condivisi in rete, le informazioni sono ottenute dalla rete. La tecnologia digitale è percepita come una naturale estensione di se stessi e delle proprie possibilità.

Naturalmente non tutti i giovani nati dalla fine degli anni ’90 in poi sono uguali. Ma una cosa è vera in ogni caso: la Generazione Z è cresciuta con le possibilità di un mondo in rete completamente digitale. La discussione, lo scambio e l’interazione online fanno parte della vita quotidiana. C’è più confronto, più domande rispetto alle generazioni precedenti.

La generazione Z è caratterizzata da aspettative diverse, da una diversa visione del mondo e da diversi modelli di valore. È cresciuta in un contesto diverso da quello di qualsiasi generazione precedente. I bambini erano al centro dell’attenzione, erano coinvolti nelle decisioni, motivati, lodati. La loro fiducia in se stessi è stata incoraggiata.

Queste aspettative si riflettono anche nel marketing giovanile. La generazione Z vuole essere indipendente. Si avvicina alla vita lavorativa con curiosità e apertura, sfruttando tutte le possibilità tecniche, e cerca di ottenere un mix ottimale tra vita lavorativa e tempo libero. Ma allo stesso tempo, il datore di lavoro sta perdendo il suo status. Questo non vuol dire che la nuova generazione sia meno disposta ad esibirsi. Hanno solo bisogno di essere motivati in modo diverso. Non sono il livello di stipendio e lo status associato al lavoro ad essere importanti per la Generazione Z. Al contrario, l’attenzione si concentra sull’auto-realizzazione, il godimento del lavoro, una buona atmosfera di lavoro e un ambiente di lavoro adeguato.