Il Temporary Management (TM) è uno strumento moderno ed efficace nel quale la gestione di un’impresa o di un progetto specifico viene affidata a manager esterni.

Si può considerare essenziale nelle fasi strategiche dello sviluppo aziendale: sia negative, come nel caso di riduzioni di personale o riassestamento economico, sia positive, come nel caso di una crescita delle vendite o di sviluppo di nuovi business.

Va ricordato che il TM viene attuato da anni sia all’estero sia in Italia, con la differenza che da noi se ne è parlato molto poco fino ad epoche assai recenti.


Chi è il Temporary Manager?

Questa figura, a metà tra un consulente e un dirigente tradizionale, è in grado di gestire le fasi strategiche di un processo aziendale. Rappresenta dunque una soluzione intermedia che l’impresa può adottare per migliorare le proprie performance.

Il Temporary Manager, se usato correttamente, permette di portare competenze elevate in azienda in quanto è

  • un professionista che ha già lavorato con successo e per molti anni in aziende dalle dimensioni diverse;
  • una figura “senior” che ha maturato le competenze necessarie per gestire processi aziendali;
  • generalmente dotato di elevata flessibilità ed adattabilità alle diverse situazioni aziendali;
  • un “mentor” poiché trasferisce le sue competenze alle persone interne all’azienda.


Quali sono i benefici del TM?

Se ben strutturato un progetto di TM consente di modificare l’organizzazione aziendale e l’efficienza dei processi interni in maniera significativa ed in tempi piuttosto rapidi.

Tuttavia i tempi di azione possono essere differenti: si va dai 9-12 mesi per progetti brevi e 18-36 mesi per progetti lunghi se coinvolgono, ad esempio, interventi di ristrutturazione e rilancio

Cosa s’intende invece per Fractional Manager?

Una figura molto simile al Temporary Manager è quella del Fractional Manager, di cui si sente sempre più spesso parlare: è una figura senior con qualità e professionalità appurata negli anni ma che partecipa alla vita aziendale solo per alcuni periodi pianificati.

Ad esempio, un HR Fractional Manager potrebbe essere presente in azienda solo 2 giorni alla settimana.

Se il classico Temporary Manager a tempo pieno potrebbe risultare troppo oneroso si può sostituire con il Fractional Manager.

Questa tipologia è infatti indicata per le aziende di piccole dimensioni. Oppure, potrebbe essere adatto per le aziende relativamente più grandi che hanno bisogno di una guida operativa per alcuni processi specifici.

Il “Fractional” non è che un Temporary Manager che in taluni casi opera part-time ma che gode di tutti i vantaggi e benefici del ruolo.

Le aziende clienti possono “portarsi in casa” competenze di alto livello e a costi accessibili, con il risultato di accrescere le capacità della forza lavoro aziendale.