Vai al contenuto

ICT: le principali competenze tecnologiche che i datori di lavoro stanno cercando

I linguaggi di programmazione continuano a dominare le caratteristiche dei posti di lavoro, con datori di lavoro desiderosi di costruire team tecnologici ed incrementare piani di digitalizzazione.

Sviluppatori, specialisti di cybersecurity e altri professionisti tecnologici si stanno dimostrando particolarmente sfuggenti per i responsabili HR, principalmente per via della crescente domanda di software e soluzioni IT indotta dalla pandemia.

L’ultimo Tech Jobs Report dell’agenzia di reclutamento Dice evidenzia dove si trova esattamente questa domanda a fine 2021.

Gli annunci di lavoro nell’industria tecnologica mostrano che le aziende sono alla ricerca di professionisti che comprendano i concetti fondamentali dello sviluppo del software e della gestione dei progetti e che possiedano competenze tecniche in Linux, così come i linguaggi di programmazione Java, Python e SQL.

Secondo Dice, la domanda di SQL nell’ultimo trimestre 2021 è aumentata del 5% rispetto al secondo trimestre. È stata la seconda competenza più richiesta, battuta solo dal Project Management, un’abilità diventata critica per le aziende che conducono grandi sforzi di digitalizzazione o pianificano specifici programmi di lavoro.

SQL potrebbe non avere la stessa reputazione di Python o Java, ma c’è una ragione per cui rimane nell’insieme delle competenze tecniche più richieste.

E’ infatti ancora usato dalle aziende per gestire le moli di dati che possiedono internamente, il che significa che il linguaggio è fondamentale per permettere ai programmatori di lavorare con i dati delle aziende.

Anche i linguaggi di programmazione generalisti rimangono molto richiesti, Java e Python in particolare.

Java è ampiamente utilizzato nello sviluppo di applicazioni mobili, ed è’ stata la terza competenza tecnologica più ricercata, aumentando del 3% rispetto al secondo trimestre 2021.

Python continua a crescere in popolarità nella scienza dei dati e nelle applicazioni di intelligenza artificiale, ed è stata tra le prime competenze più richieste nel terzo trimestre, anche se la domanda è aumentata solo dell’1% rispetto al secondo trimestre.

Dice segnala che sia Java che Python sono “probabilmente destinati a rimanere estremamente richiesti per un po’ di tempo”.

Sei uno sviluppatore o un esperto IT in cerca di una nuova opportunità lavorativa sul territorio italiano? Consulta i nostri annunci di lavoro

Detto questo, sembrano esserci segnali che la domanda di alcune competenze si sia leggermente affievolita nell’ultimo periodo.

Linux, per esempio, si trova ancora nella top 10 delle competenze tecnologiche più richieste, anche se questo è sceso dell’1% rispetto al secondo trimestre 2021. 

Sistemi informativi, Oracle, sicurezza delle informazioni, gestione dei dati e amministrazione di sistema sono stati tra le altre competenze a vedere un calo della domanda.

Dice ha detto che queste tendenze potrebbero in gran parte riflettere quello che è stato definito uno “scoppio sorprendente” di assunzioni all’inizio del 2021. “Come per le occupazioni, la richiesta di certe competenze da parte dei datori di lavoro sembra essersi stabilizzata (e anche leggermente diminuita) su base trimestrale”, si legge nel rapporto.

Lo studio di Dice mostra anche un quadro delle piattaforme software che hanno visto un aumento di interesse: Docker Software, per esempio, è aumentato del 31% tra il secondo e il terzo trimestre 2021, seguito da Microsoft Azure (+12%) e Git (+10%).

Questo riflette lo spostamento accelerato verso il cloud, legato anch’esso alla pandemia COVID-19. Tecnologie come Docker, Azure e Git “hanno un enorme impatto sul web e sul cloud”, il che significa che i lavoratori che possiedono tali competenze probabilmente si troveranno sempre con grandi prospettive di lavoro

Guardando al futuro, l’apprendimento automatico e la scienza dei dati diventeranno probabilmente mission-critical per le organizzazioni che vogliono trasformare i loro dati in nuovi flussi di entrate e modi di capire il comportamento dei clienti. 

“Il successo in tutto, dal servizio clienti alla gestione della catena di approvvigionamento, potrebbe alla fine dipendere dall’applicazione efficace del machine learning e della scienza dei dati”, ha detto Dice.