Vai al contenuto
Home » Lavoro » Lavoro in smart working » Sindrome da Burn out: come evitare di “scottarti”

Sindrome da Burn out: come evitare di “scottarti”

Burn out: probabilmente avrai già sentito parlare di questa sindrome, ma andiamo ad analizzarla nel dettaglio.


burn out

Secondo l’OMS, Il burn out è classificato come una sindrome concettualizzata come risultato di uno stress cronico lavorativo che non è stato gestito correttamente. Possiamo individuare 3 punti:

  • Mancanza di energie. Ci si sente prosciugati, esausti, giù di morale.
  • Aumento del distaccamento dal proprio lavoro, sensazione di cinismo e/o negativismo nei confronti della posizione lavorativa.
  • Riduzione della prestazione professionale. Si riduce anche la creatività e la fiducia nelle proprie capacità.

Ci si riferisce specificatamente al fenomeno lavorativo e non va confuso con altre esperienze simili in altri contesti. In breve, lo possiamo definire come una condizione di stress legato alla sfera del lavoro.

Questa condizione di stress deve essere cronica e persistente, per cui non parliamo di burn out nei casi delimitati nel tempo. Non si è più in grado di affrontare il proprio carico di lavoro quotidiano e si finisce per soffrire di esaurimento cronico.

Pur rientrando solo nella sfera lavorativa, è difficile restringere le conseguenze del burn out solo a questo ambito. Il disagio si estende anche alla vita privata inevitabilmente.

Non è quindi un problema solo individuale, ma ha a che fare con l’ambito lavorativo in sé; l’azienda, l’organizzazione e, in generale, l’ambiente in cui si lavora e si intessono le relazioni professionali.



Le professioni più a rischio sono quelle legate al contatto con altre persone e che spesso devono soddisfare le esigenze altrui (centralinista, medico, insegnanti ecc).

Altro fattore è la distanza della natura del lavoro dalla natura del lavoratore. Nel momento in cui una persona mette i propri valori personali in secondo piano, questo può causare un forte disagio.

Ci sono solitamente 4 fasi nell’insorgenza del Burn out:

  1. Entusiasmo idealistico verso il lavoro. Inizialmente il lavoratore è entusiasta del nuovo impiego. Molto attivo, arriva anche a sacrificare la vita personale e familiare.
  2. Stagnazione. La persona inizia ad accorgersi che non è soddisfatto dei suoi bisogni e dei suoi ideali. Si passa da un super investimento ad un graduale senso di delusione.
  3. Frustrazione. Si sente una profonda sensazione di inutilità. Questo può esprimersi in un atteggiamento negativo e aggressivo verso se stesso e gli altri. Possono esserci anche i primi casi di assenteismo (malattia, pause prolungate ecc).
  4. Disimpegno. Si arriva, infine, al distacco apatico che porta alla morte della professione. Disaffezione al lavoro caratterizzata da delusione, insofferenza, intolleranza, cinismo e indifferenza.


Ci sono principalmente 3 categorie di segni e sintomi del burnout:

  1. Fisici
  2. Psichici
  3. Comportamentali

3.1 Fisici:

  • Stanchezza e sensazione di vuoto
  • Basse difese immunitarie che portano a malattie frequenti
  • Mal di testa o dolori muscolari frequenti
  • Difficoltà a dormire
  • Cambiamenti nell’appetito

3.2 Psichici:

  • Scarsa autostima
  • Sensazione di sconfitta
  • Distacco dal proprio lavoro
  • Mancanza di motivazione
  • Mancato senso di realizzazione
  • Tensione e irritabilità
  • Cinismo

3.3 Comportamentali:

  • Non si vuole assumere alcuna responsabilità
  • Procrastinazione
  • Gestione dei sintomi emotivi attraverso cibo, alcol e/o sostanze
  • Si parla spesso con gli altri delle proprie frustrazioni
  • Assenteismo sul luogo di lavoro


Inizialmente si cerca di ignorare i primi sintomi spingendo solo sulla propria volontà. Questo, nella maggior parte dei casi, peggiora solo la situazione. Ci sono alcune tecniche pratiche per migliorare il proprio stato, ma a volte il burnout è il segno che qualcosa nella propria vita non sta funzionando.

Ecco alcuni consigli pratici per risollevarsi modificando il proprio stile di vita:

  • Migliorare le relazioni sul posto di lavoro
  • Bilanciare la vita lavorativa con quella privata
  • Riposarsi: non bisogna sottovalutare il dedicare il giusto tempo al riposo
  • Fare attività fisica: ottimo strumento per la gestione dello stress


Secondo ilsole24ore, ci sono 5 pattern di comportamento da evitare:

  1. L’uso di un linguaggio negativo. Bisogna ri-verbalizzare le parole negative.
  2. L’agire in modo inusuale e incostante. Cercare di ridurre l’incertezza. Evitare di introdurre stati di complessità non necessari. 
  3. Volatilità emotiva. Contenere le nostre emozioni e preferire calma e stabilità emotiva.
  4. Eccesso di pessimismo. Mantenere uno sguardo alle opportunità piuttosto che ai problemi. Senza però cadere nel “troppo-ottimismo”
  5. Ignorare le emozioni degli altri. L’empatia è uno dei migliori strumenti per prevenire il burn out. 


Il burn out è una sindrome assolutamente da non sottovalutare. Infatti, le conseguenze dello stress cronico lavorativo riguardano anche la sfera privata. Bisogna prendersi del tempo e pensare alle proprie priorità e, se necessario, cambiare.

Uno dei modi migliori per prevenire il burnout è trovare il lavoro più adatto alla propria persona. Purtroppo molti sottovalutano le offerte di lavoro concentrandosi solo sulla retribuzione economica.

Infatti, esistono molti benefit non necessariamente economici che possono portare ad un benessere maggiore (sempre di più stanno chiedendo la possibilità di lavorare in smart working ad esempio).

Affidarsi ad un’agenzia per la ricerca e selezione del personale permette di trovare nuove offerte lavorative e quelle più in linea con il proprio profilo. Tutto questo gratuitamente e risparmiando tempo!

Se stai cercando una nuova opportunità lavorativa, affidati alla consulenza gratuita di Starfinder. Valutiamo il tuo profilo (sia hard che soft skills) e i tuoi bisogni per farti trovare l’azienda migliore per te!



I lavori più pagati in Italia del 2023

I lavori più pagati in Italia del 2023

Sicuramente ti sarai chiesto almeno una volta nella vita quali sono i lavori più pagati in Italia, per pura curiosità,...
Leggi tutto
Non trovi lavoro su LinkedIn? Ecco 5 step da seguire

Non trovi lavoro su LinkedIn? Ecco 5 step da seguire

Se sei arrivato su questa pagina molto probabilmente già sai cos’è LinkedIn. Stiamo parlando del social network dedicato al mondo...
Leggi tutto
Lo sviluppatore software spiegato in meno di 500 parole

Lo sviluppatore software spiegato in meno di 500 parole

Lo sviluppatore software (o all’inglese, software developer), è una delle figure professionali più richieste in Italia. Perché? La digitalizzazione è...
Leggi tutto
Sviluppatore sito web: chi è e cosa fa

Sviluppatore sito web: chi è e cosa fa

Sviluppatore sito web, web developer, sviluppatore web. Sono tutti sinonimi per definire lo stesso ruolo. Si tratta di una delle...
Leggi tutto
ICT: significato dell’acronimo del futuro

ICT: significato dell’acronimo del futuro

Cosa significa ICT? Quali sono le professioni lavorative in questo settore? Come trovare lavoro nell'ICT? Scopriamolo insieme! IndiceCosa significa ICT?Qual...
Leggi tutto
Gli head hunter sono il futuro del recruiting?

Gli head hunter sono il futuro del recruiting?

Conosci gli head hunter? Pur essendo inglese è un termine che sempre di più sta acquistando fama in Italia. Perchè?...
Leggi tutto
7 cose che devi sapere sullo smart working [2022]

7 cose che devi sapere sullo smart working [2022]

L'Italia ha introdotto lo smart working nel 2017, ma solo dopo la pandemia si è iniziato a parlarne. Analizziamolo insieme....
Leggi tutto
Una breve guida sulle AI: definizione, usi e storia

Una breve guida sulle AI: definizione, usi e storia

Qual è la definizione di intelligenza artificiale e quali sono i suoi utilizzi? Scoprilo in questo articolo! Indice1. Cos’è l’intelligenza...
Leggi tutto
Sindrome da Burn out: come evitare di “scottarti”

Sindrome da Burn out: come evitare di “scottarti”

Burn out: probabilmente avrai già sentito parlare di questa sindrome, ma andiamo ad analizzarla nel dettaglio. Indice1. Cos’è il burn...
Leggi tutto
I 3 migliori linguaggi di programmazione nel 2023

I 3 migliori linguaggi di programmazione nel 2023

Quali sono i 3 linguaggi di programmazione più usati nel 2023? Scoprilo in questo articolo! Indice dei contenuti1. Cos’è un...
Leggi tutto
Perché affidarsi a un’Agenzia di ricerca e selezione del personale?

Perché affidarsi a un’Agenzia di ricerca e selezione del personale?

Cos'è un’Agenzia di recruiting, quali servizi offre e come si differenzia dalla classica Agenzia per il lavoro? Scoprilo in questo...
Leggi tutto
Le migliori soft skills da includere nel tuo CV

Le migliori soft skills da includere nel tuo CV

Probabilmente avrai già visto annunci di lavoro in cui vengono richieste una serie di hard skills e una di soft...
Leggi tutto
2022: I linguaggi di programmazione più richiesti nel mercato ICT

2022: I linguaggi di programmazione più richiesti nel mercato ICT

CodingNomads, piattaforma online che offre servizi per imparare a programmare, ha cercato di rispondere a una delle domande più frequenti...
Leggi tutto
ICT: l’assunzione di figure tech sarà una delle sfide maggiori del 2022

ICT: l’assunzione di figure tech sarà una delle sfide maggiori del 2022

Un sondaggio di 14.000 sviluppatori e reclutatori da parte della piattaforma CodinGame ha rivelato che quasi la metà dei datori...
Leggi tutto
ICT: le principali competenze tecnologiche che i datori di lavoro stanno cercando

ICT: le principali competenze tecnologiche che i datori di lavoro stanno cercando

I linguaggi di programmazione continuano a dominare le caratteristiche dei posti di lavoro, con datori di lavoro desiderosi di costruire...
Leggi tutto
Sviluppatori back-end: in cima alla lista dei lavori tecnologici più richiesti

Sviluppatori back-end: in cima alla lista dei lavori tecnologici più richiesti

Gli sviluppatori back-end sono in cima alla lista dei lavori tecnologici più richiesti, secondo un sondaggio di recruiter della piattaforma...
Leggi tutto
Il linguaggio di programmazione PHP è in una posizione fragile, previsto un nuovo piano di sviluppo

Il linguaggio di programmazione PHP è in una posizione fragile, previsto un nuovo piano di sviluppo

PHP, uno dei linguaggi di programmazione più popolari, sarà sostenuto grazie alla creazione di una nuova fondazione per poter garantire...
Leggi tutto
Processi aziendali: cos’è il Temporary Management

Processi aziendali: cos’è il Temporary Management

Il Temporary Management (TM) è uno strumento moderno ed efficace nel quale la gestione di un’impresa o di un progetto...
Leggi tutto
Fractional Management: il Temporary Management per le Pmi

Fractional Management: il Temporary Management per le Pmi

Un grande numero di piccole e piccolissime imprese è sempre più interessato allo strumento del Temporary Management (TM), in una...
Leggi tutto
Caso studio: Microsoft, il lavoro a distanza sta rendendo più difficile la produttività e l’innovazione

Caso studio: Microsoft, il lavoro a distanza sta rendendo più difficile la produttività e l’innovazione

Uno studio sui dipendenti Microsoft negli Stati Uniti ha concluso che il passaggio al lavoro a distanza in tutta l'organizzazione...
Leggi tutto
{"slide_show":3,"slide_scroll":1,"dots":"false","arrows":"true","autoplay":"true","autoplay_interval":3000,"speed":600,"loop":"true","design":"design-1"}