Google e realtà virtuale: Cardboard diventa open source

cardboard google
0

Google ha reso open source il suo progetto Cardboard, mentre Mountain View riduce le sue ambizioni sulla realtà virtuale tramite smartphone.

Cardboard è stato un progetto impressionante che ha dimostrato come l’hardware costoso non sia strettamente necessario per le applicazioni VR.

In un post del suo blog, ha scritto Google:

“Cardboard ha giocato un ruolo importante nell’introdurre le persone alla VR attraverso esperienze come YouTube e Expeditions. In molti casi, ha fornito l’accesso alla VR a persone che altrimenti non avrebbero potuto permetterselo”.

Google in seguito ha debuttato con Daydream, che è stato progettato per essere un passo avanti rispetto a Cardboard con un’esperienza di VR più completa, senza doversi muovere con un dispositivo di fascia alta come Oculus o Vive.

Daydream non è mai decollato e il mese scorso Google ha smesso di vendere Daydream View perché nessuno smartphone moderno, incluso il Pixel 4 dell’azienda, lo supporta.

I fan lo hanno preso come un segno che il sogno del VR mobile di Google stesse per finire.

La decisione di Google di rendere open source Cardboard è un’ulteriore conferma che l’azienda non sta più lavorando attivamente alla propria piattaforma mobile VR.

“Riteniamo che un modello open-source – con contributi aggiuntivi da parte nostra – sia il modo migliore per gli sviluppatori di continuare a costruire esperienze per Cardboard.

La frammentazione hardware di Android rende il supporto di ogni dispositivo una sfida. In tutta onestà nei confronti di Google, le loro risorse sono probabilmente meglio spese altrove a questo punto.

Google nota come l’utilizzo di Cardboard sia diminuito e così l’azienda “non sta più sviluppando attivamente l’SDK di Google VR” che alimenta sia Cardboard che Daydream. Tuttavia, Google riconosce che c’è ancora “un uso coerente intorno all’intrattenimento e alle esperienze educative”.

Per evitare che Cardboard diventi un’altra aggiunta al Google Graveyard (attualmente fino a un totale di 190 applicazioni, servizi e hardware) l’azienda sta rilasciando una serie di librerie Cardboard e fornirà anche un pacchetto SDK per Unity.

Il progetto open-source fornisce API per il monitoraggio della testa, il rendering della distorsione dell’obiettivo e la gestione degli input. Abbiamo anche incluso una libreria di codici QR per Android in modo che le applicazioni possano accoppiare qualsiasi visualizzatore di Cartone senza dipendere dall’applicazione Cardboard”.

Con l’open-sourcing Cardboard, Google dice che permetterà alla “comunità di sviluppatori di continuare a costruire esperienze di Cardboard e aggiungere supporto alle loro applicazioni per una sempre maggiore diversità di risoluzioni e configurazioni dello schermo dello smartphone”.

La documentazione per gli sviluppatori di Cardboard può essere trovata qui, oppure dirigersi direttamente al repo GitHub del progetto.