Coronavirus: Windows in calo, crescono MacOS e Linux

pmi e occupazione
0

Secondo gli ultimi dati raccolti da Net Application, c’è stato un leggero cambiamento nel mercato dei sistemi desktop: gli utenti che usano Windows sono diminuiti durante la pandemia Covid-19, mentre sono aumentati gli utilizzatori dei sistemi MacOS e Linux.

Nello specifico, Microsoft rappresenta l’88,14% del mercato globale dei sistemi operativi, un calo del 2,3%, il maggiore da novembre 2017.

Al contrario, MacOS, sistema operativo di Apple, ha aumentato la sua quota di mercato dello 0,8%, raggiungendo così il 9,8% dello share.

Molto probabilmente l’aumento degli utenti Mac è dovuto al regime di smart working dell’ultimo periodo. Un’altra motivazione potrebbe essere legata al rilascio a marzo del nuovo hardware, il MacBook Air 2020.

Ancora più consistente invece è l’aumento di Linux, quasi raddoppiato. Con un incremento del market share dell’1,89%, ha raggiunto quota 2,9%.

Una crescita piuttosto misteriosa quella di Linux visto che è ampiamente usato in ambito server ma molto meno in ambito domestico. La ragione principale sembrerebbe Ubuntu, distribuzione orientata all’utilizzo sui computer desktop adatta anche a utenti senza grandi competenze.

Il dato sorprendente è legato proprio a Linux, che sta ottenendo da qualche tempo maggiore attenzione anche nell’ambito gaming e tra chi semplicemente vuole una macchina per navigare con maggiore sicurezza sul web, in virtù di specifiche funzionalità per la privacy.

 

Leggi anche  SpaceX, la missione portata a termine grazie a Linux e a tre processori dual-core