7 modi per mostrare l’intelligenza emotiva in un colloquio di lavoro

intelligenza-emotiva
0

È una delle migliori competenze professionali del futuro, ma come si fa a trasmettere qualcosa di intangibile come l’intelligenza emotiva in un colloquio di lavoro?

Avere solide competenze tecniche è importante per ottenere un lavoro, ma forse non così importante come si potrebbe pensare. Infatti, in una recente indagine su più di 2.600 manager e professionisti delle risorse umane, il 71% ha dichiarato di apprezzare l’intelligenza emotiva in un dipendente rispetto al QI.

Inoltre, il 75% ha dichiarato di avere maggiori probabilità di promuovere un lavoratore altamente intelligente dal punto di vista emotivo; e il 59% ha dichiarato di aver rinunciato a un candidato con un quoziente intellettivo elevato ma con un basso livello di intelligenza emotiva.

L’intelligenza emotiva sarà ancora più rilevante per la ricerca di lavoro anche in futuro, il Future of Jobs Report del World Economic Forum ha classificato l’intelligenza emotiva tra le prime 10 competenze professionali richieste per il 2020.

Dal momento che sempre più aziende stanno prestando attenzione all’assunzione di persone con un’elevata intelligenza emotiva, se stai cercando un lavoro è un’abilità importante da dimostrare nel tuo colloquio.

Qui di seguito 7 modi per dimostrare l’intelligenza emotiva in un colloquio di lavoro

 

1. ASCOLTARE ATTIVAMENTE
Invece di concentrarsi su una risposta alla domanda posta, presta tutta la tua attenzione alla domanda stessa.

Non cedere all’impulso di dover rispondere immediatamente alla domanda. Gli intervistatori sono alla ricerca di una risposta riflessiva, invece di una risposta immediata che indica che state dando loro una risposta per tentativi. Ripeti la domanda con le tue stesse parole per assicurarti di averla compresa nel modo in cui è stata concepita. Se non sei sicuro se stai rispondendo alla domanda, chiedi alla persona che l’ha posta.

 

2. MOSTRARE LE EMOZIONI

Molti intervistati, a causa del nervosismo, si possono irrigidire. Non solo va bene mostrare qualche emozione, ma le emozioni giuste formeranno una connessione tra l’intervistatore e voi.

Sorridere, a patto che non appaia forzato o poco autentico, è sempre un bene. Mostrare entusiasmo e un po’ di eccitazione va bene anche se è reale. L’avvertimento è di non forzare le emozioni.

 

3. CONDIVIDERE IL MERITO PER I TUOI RISULTATI

Prendi spunto dagli atleti professionisti quando vengono intervistati dopo una vittoria o un risultato. Accreditano sempre i loro compagni di squadra, piuttosto che ricevere riconoscimenti personali. Quando ti viene chiesto di un progetto di cui sei orgoglioso, o che ha avuto successo, assicurati di condividere il merito con la squadra e le altre persone che sono state coinvolte nel progetto. Rendi chiaro che sei orgoglioso di essere un membro del gruppo. Questo dà più credibilità al vostro essere un giocatore di squadra.

 

4. CONDIVIDI COME STAI CERCANDO DI MIGLIORARE TE STESSO

Il consiglio tipico per rispondere a una domanda sulla propria debolezza è di inquadrarla come qualcosa che è in realtà un punto di forza.

Per esempio, sostenere di essere perfezionista, o essere troppo coinvolto nel proprio lavoro, può sembrare un punto di forza per un datore di lavoro. Queste risposte tuttavia non convincono più di tanto in quanto gli intervistatori sono alla ricerca di qualcosa di più sostanziale.

Quando rivelate una debolezza, assicuratevi di indicare cosa state facendo attivamente per lavorarci sopra e di fornire esempi di progressi. Gli intervistatori sanno che abbiamo tutti dei punti deboli e sospettano che possiamo cercare di nasconderli nell’intervista.

Fino a quando le vostre debolezze non fanno scattare bandiere rosse, essere onesti, aperti e genuini vi aiuterà a guadagnare la loro fiducia e il loro rispetto.

 

5. NON ESITARE A PARLARE DI CONFLITTO

Per la domanda sui tuoi punti di forza, piuttosto che concentrarsi solo sulle tue qualifiche o capacità tecniche, parla della tua capacità di lavorare bene con gli altri in un ambiente di lavoro di squadra. La vostra capacità di adattarsi ai cambiamenti o alle battute d’arresto e di lavorare bene con i colleghi e i clienti è importante da sollevare la questione.

Invece di limitarsi a menzionare queste cose, siate pronti a fornire esempi di quando avete dovuto utilizzare queste competenze. Forse c’era un conflitto all’interno del vostro gruppo di lavoro o avete avuto a che fare con un cliente arrabbiato. Spiegata come avete usato le vostre soft skills per affrontare efficacemente queste situazioni.

 

6. DIMOSTRARE CHE SI PUÒ IMPARARE DAI PROPRI ERRORI

Quando l’intervistatore si interroga su una situazione in cui le cose sono andate fuori strada, la cosa peggiore che si può fare è incolpare gli altri per la situazione.

Dichiarare cosa è successo, ma evitare di dare la colpa. Prima di rispondere a questa domanda, va bene riconoscere alcune emozioni attraverso le vostre espressioni e il linguaggio del corpo. Questo trasmetterà il messaggio che la situazione era reale e non qualcosa che hai inventato che non aveva alcuna conseguenza reale.

 

7. PORRE DOMANDE SULLA CULTURA E SUI VALORI

Alla fine di un’intervista ci viene chiesto se abbiamo delle domande.

Questa è una grande opportunità per dimostrare la vostra intelligenza emotiva. Ponete domande sulla cultura, sui valori di un’organizzazione e su ciò che serve alle persone per avere successo in essa.

Dimostrerà che non solo siete interessati a un lavoro, ma che state cercando di capire come inserirvi nell’azienda. Questo indica all’intervistatore che siete consapevoli di voi stessi e dell’importanza di abbinare le loro esigenze con quelle dei vostri valori.

 

Related Blogs

Lasciaci un commento