Vai al contenuto
Home » Lavoro » Head hunting » Gli head hunter sono il futuro del recruiting?

Gli head hunter sono il futuro del recruiting?

Conosci gli head hunter? Pur essendo inglese è un termine che sempre di più sta acquistando fama in Italia. Perchè? La pandemia ha radicalmente cambiato la nostra mentalità nei confronti del digitale, ma sono ancora poche le professioni che guardano al futuro.

E gli head hunter cosa fanno? Vediamolo insieme.


Possiamo tradurlo in italiano con “cacciatore di teste”. L’head hunter ricerca particolari profili da portare al suo cliente proprio come il cacciatore di tesori cerca oggetti rari che i collezionisti tanto desiderano.

La ricerca è perciò estremamente qualitativa, perché l’headhunter deve soddisfare particolari richieste e allo stesso tempo deve mantenere la sua reputazione come professionista qualificato.

Proprio per questo la ricerca è attiva, non ci si limita ad esaminare i CV di risposta agli annunci di lavoro, ma si contatta direttamente i candidati passivi (cioè coloro che non stanno attivamente cercando lavoro) per proporre la posizione lavorativa che l’azienda cliente offre.


Possiamo individuare 6 fasi.

  • Studio del profilo professionale richiesto dall’azienda cliente: l’headhunter entra in contatto con l’azienda cliente per discutere del profilo ricercato: si concorda quello che si vuole e quello che non si vuole ottenere.
  • Classificazione delle fonti di reclutamento: reti professionali, contatti, portali di lavoro, aziende concorrenti, banche dati. L’headhunter consulta la rete, cercando di contattare potenziali candidati.
  • Primo contatto con il candidato: gli viene spiegato in cosa consiste il posto offerto, quali sono le competenze richieste e si sollecitano maggiori informazioni.
  • Colloquio conoscitivo: si organizza un colloquio individuale per approfondire le abilità professionali, tecniche e personologiche del candidato.
  • Preparazione e presentazione al cliente di un rapporto sul candidato: quando il candidato risulta adatto, viene prodotta ed inviata al cliente una scheda profilo dettagliata.
  • Presentazione dei candidati finalisti al cliente: dopo la presentazione dei candidati, al cliente spetta l’ultima parola.

head hunter
Ora la stretta di mano è diventata più “virtuale”.

Anche se i cacciatori di teste vanno a “caccia” di candidati passivi, non è detto che contattino proprio te (Linkedin conta più di 16 milioni di iscritti solo in Italia).

Bisogna farsi notare, aumentare la propria visibilità in modo da farsi riconoscere in mezzo a tutti gli altri.


3.1 Fare Networking

Il passaparola è uno degli strumenti più vecchi, ma allo stesso tempo ha un incredibile potenziale. Espandere la propria reputazione vuol dire anche facilitare ai recruiter (e agli headhunter in particolare) di poterti vedere e quindi contattare.

Come fare questo? LinkedIn è il social perfetto per ampliare la propria rete (parleremo spesso di questa piattaforma in questo articolo) perché ti permette facilmente di aggiungere contatti professionali alla tua rete con i tuoi stessi interessi o che lavorano nel tuo stesso ambiente. 

Infatti non devi puntare ad essere popolare, devi aumentare la tua reputazione in un determinato settore. Questo ti renderà autorevole agli occhi di chi vede il tuo profilo.

Come fare questo concretamente?


3.2 Curare il proprio profilo LinkedIn

La prima cosa che un headhunter fa quando cerca potenziali candidati è visitare il loro profilo. Se per un recruiter basta esaminare il CV che invii, questo non è assolutamente vero per i cacciatori di teste.

Ricordati che il loro scopo è quello di trovare talenti qualificati, non possono presentare alle aziende la prima persona che trovano. Devono quindi “spulciare” ogni informazione possibile.

Il profilo LinkedIn è un ottimo punto di partenza. Si possono vedere la formazione e le esperienze lavorative, ma anche i vari post pubblicati e le raccomandazioni ricevute dagli altri utenti (ricordi quando parlavamo del passaparola?).


3.3 Entrare in contatto con l’headhunter

Se hai fatto un buon networking dovresti riuscire a contattare direttamente un headhunter o un’agenzia. Attenzione però, devi essere sicuro che lavori nello stesso campo di tuo interesse. 

Una volta individuato, puoi inviare una richiesta di collegamento (e includi un messaggio mi raccomando!). Probabilmente il tuo profilo sarà la prima cosa che l’headhunter esamina (anche prima del messaggio con la richiesta di colllegamento) quindi assicurati di averlo curato nei minimi dettagli (foto profilo e cover sono un must).

Se la tua richiesta viene accettata, complimenti! Sei appena entrato in contatto con un head hunter. E ora?


colloquio lavoro
L’head hunter segna ogni minimo dettaglio che il candidato racconta durante il colloquio.

Ora che sei entrato in contatto è bene cercare di andare oltre alla semplice candidatura. Molto probabilmente verrà chiesto di fare un incontro conoscitivo: non rifiutarlo! Ricordati che l’headhunter può avere più offerte lavorative disponibili per te, non solo ora, ma anche in futuro (anche nel caso tu voglia cambiare lavoro).

Dopo la chiacchierata conoscitiva si procede al vero e proprio colloquio (solitamente in videochiamata). Come devi prepararti?


4.1 Informati sul lavoro

Cerca di ottenere quante più informazioni sull’azienda per cui ti sei candidato. Vai a guardare la sua presenza online e quali sono i suoi valori e la sua filosofia (visitare il profilo del CEO può dare ottimi spunti).

Se non sai per quale azienda ti stai candidando (per motivi di privacy spesso non viene menzionato) puoi focalizzarti sull’annuncio di lavoro, la job description. Questo ti permetterà anche di prepararti qualche domanda a riguardo per far mostrare il tuo interesse per la posizione.


4.2 Comportamento durante il colloquio

Sii puntuale. Se l’head hunter ti ha chiesto di compilare qualche modulo prima del colloquio fallo perché molto probabilmente ti farà delle domande a riguardo (e potrai preparare una risposta adeguata).

Cerca di essere chiaro e di motivare le tue risposte. Devi essere trasparente in quello che dici senza creare confusione nell’interlocutore.

Chiarisci qualsiasi dubbio tu abbia riguardo la posizione lavorativa (per questo è importante analizzare la job description) piuttosto che portarli in una fase successiva della selezione.

Sii coerente con l’immagine che hai creato di te sui social. La fase di selezione richiede spesso più di un singolo colloquio per cui è importante rimanere coerenti e sinceri.


Stiamo parlando dei recruiter del futuro? Solo il tempo saprà darci una risposta, ma vedremo sicuramente dei cambiamenti nel mercato di lavoro. Il digitale è solo il trampolino di lancio!

Ora che sai come entrare in contatto con un head hunter e come comportarti durante il colloquio non ti resta che iniziare la tua ricerca. Il nostro sito è un ottimo punto di partenza!


Stai cercando una nuova opportunità lavorativa in ambito ICT?

Se sei in cerca di un’azienda che possa soddisfare le tue esigenze lavorative, Starfinder può aiutarti! Gratuitamente!

Siamo un’agenzia di ricerca e selezione del personale specializzata in headhunting, troviamo i candidati attivamente e li proponiamo alle aziende che richiedono i nostri servizi.


Seguici anche sui nostri social!


Articoli consigliati

I lavori più pagati in Italia del 2023

I lavori più pagati in Italia del 2023

Sicuramente ti sarai chiesto almeno una volta nella vita quali sono i lavori più pagati in Italia, per pura curiosità,...
Leggi tutto
Non trovi lavoro su LinkedIn? Ecco 5 step da seguire

Non trovi lavoro su LinkedIn? Ecco 5 step da seguire

Se sei arrivato su questa pagina molto probabilmente già sai cos’è LinkedIn. Stiamo parlando del social network dedicato al mondo...
Leggi tutto
Lo sviluppatore software spiegato in meno di 500 parole

Lo sviluppatore software spiegato in meno di 500 parole

Lo sviluppatore software (o all’inglese, software developer), è una delle figure professionali più richieste in Italia. Perché? La digitalizzazione è...
Leggi tutto
Sviluppatore sito web: chi è e cosa fa

Sviluppatore sito web: chi è e cosa fa

Sviluppatore sito web, web developer, sviluppatore web. Sono tutti sinonimi per definire lo stesso ruolo. Si tratta di una delle...
Leggi tutto
ICT: significato dell’acronimo del futuro

ICT: significato dell’acronimo del futuro

Cosa significa ICT? Quali sono le professioni lavorative in questo settore? Come trovare lavoro nell'ICT? Scopriamolo insieme! IndiceCosa significa ICT?Qual...
Leggi tutto
Gli head hunter sono il futuro del recruiting?

Gli head hunter sono il futuro del recruiting?

Conosci gli head hunter? Pur essendo inglese è un termine che sempre di più sta acquistando fama in Italia. Perchè?...
Leggi tutto
7 cose che devi sapere sullo smart working [2022]

7 cose che devi sapere sullo smart working [2022]

L'Italia ha introdotto lo smart working nel 2017, ma solo dopo la pandemia si è iniziato a parlarne. Analizziamolo insieme....
Leggi tutto
Una breve guida sulle AI: definizione, usi e storia

Una breve guida sulle AI: definizione, usi e storia

Qual è la definizione di intelligenza artificiale e quali sono i suoi utilizzi? Scoprilo in questo articolo! Indice1. Cos’è l’intelligenza...
Leggi tutto
Sindrome da Burn out: come evitare di “scottarti”

Sindrome da Burn out: come evitare di “scottarti”

Burn out: probabilmente avrai già sentito parlare di questa sindrome, ma andiamo ad analizzarla nel dettaglio. Indice1. Cos’è il burn...
Leggi tutto
I 3 migliori linguaggi di programmazione nel 2023

I 3 migliori linguaggi di programmazione nel 2023

Quali sono i 3 linguaggi di programmazione più usati nel 2023? Scoprilo in questo articolo! Indice dei contenuti1. Cos’è un...
Leggi tutto
Perché affidarsi a un’Agenzia di ricerca e selezione del personale?

Perché affidarsi a un’Agenzia di ricerca e selezione del personale?

Cos'è un’Agenzia di recruiting, quali servizi offre e come si differenzia dalla classica Agenzia per il lavoro? Scoprilo in questo...
Leggi tutto
Le migliori soft skills da includere nel tuo CV

Le migliori soft skills da includere nel tuo CV

Probabilmente avrai già visto annunci di lavoro in cui vengono richieste una serie di hard skills e una di soft...
Leggi tutto
2022: I linguaggi di programmazione più richiesti nel mercato ICT

2022: I linguaggi di programmazione più richiesti nel mercato ICT

CodingNomads, piattaforma online che offre servizi per imparare a programmare, ha cercato di rispondere a una delle domande più frequenti...
Leggi tutto
ICT: l’assunzione di figure tech sarà una delle sfide maggiori del 2022

ICT: l’assunzione di figure tech sarà una delle sfide maggiori del 2022

Un sondaggio di 14.000 sviluppatori e reclutatori da parte della piattaforma CodinGame ha rivelato che quasi la metà dei datori...
Leggi tutto
ICT: le principali competenze tecnologiche che i datori di lavoro stanno cercando

ICT: le principali competenze tecnologiche che i datori di lavoro stanno cercando

I linguaggi di programmazione continuano a dominare le caratteristiche dei posti di lavoro, con datori di lavoro desiderosi di costruire...
Leggi tutto
Sviluppatori back-end: in cima alla lista dei lavori tecnologici più richiesti

Sviluppatori back-end: in cima alla lista dei lavori tecnologici più richiesti

Gli sviluppatori back-end sono in cima alla lista dei lavori tecnologici più richiesti, secondo un sondaggio di recruiter della piattaforma...
Leggi tutto
Il linguaggio di programmazione PHP è in una posizione fragile, previsto un nuovo piano di sviluppo

Il linguaggio di programmazione PHP è in una posizione fragile, previsto un nuovo piano di sviluppo

PHP, uno dei linguaggi di programmazione più popolari, sarà sostenuto grazie alla creazione di una nuova fondazione per poter garantire...
Leggi tutto
Processi aziendali: cos’è il Temporary Management

Processi aziendali: cos’è il Temporary Management

Il Temporary Management (TM) è uno strumento moderno ed efficace nel quale la gestione di un’impresa o di un progetto...
Leggi tutto
Fractional Management: il Temporary Management per le Pmi

Fractional Management: il Temporary Management per le Pmi

Un grande numero di piccole e piccolissime imprese è sempre più interessato allo strumento del Temporary Management (TM), in una...
Leggi tutto
Caso studio: Microsoft, il lavoro a distanza sta rendendo più difficile la produttività e l’innovazione

Caso studio: Microsoft, il lavoro a distanza sta rendendo più difficile la produttività e l’innovazione

Uno studio sui dipendenti Microsoft negli Stati Uniti ha concluso che il passaggio al lavoro a distanza in tutta l'organizzazione...
Leggi tutto
{"slide_show":3,"slide_scroll":1,"dots":"false","arrows":"true","autoplay":"true","autoplay_interval":3000,"speed":600,"loop":"true","design":"design-1"}